Pubblicato 23 Gennaio 2017 Visite: 1015
Stampa

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la versione aggiornata, a gennaio 2017, della “Mini guida BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI “ riguardante detrazione del 50% per chi arreda la casa ristrutturata. La detrazione del 50%, prorogata per il 2017, spetterà per interventi iniziati a decorrere dal 1 gennaio 2016.

Infatti, l’Agenzia delle Entrate comunica: con la legge di bilancio 2017 (legge n. 232 dell'11 dicembre 2016) è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. E’ prorogato fino al 31 dicembre 2017 anche il Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l'acquisto di mobili.

 

Si ribadisce quindi che la detrazione Irpef del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili vale anche per le spese sostenute nell’anno in corso, 2017, a condizione che siano collegate a interventi di ristrutturazione edilizia iniziati a partire dal 1° gennaio 2016.

La detrazione del 50% spetta anche relativamente alle spese sostenute, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017, per i grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A, nonché di classe non inferiore a A per i forni, come pure per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile, immobile che sempre e comunque deve essere oggetto di ristrutturazione.

Quali beni?

La detrazione spetta per le spese sostenute dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2017 per l’acquisto di:

  • mobili nuovi;
  • grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A, (A per i forni);
  • per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica.

Chiariamo che rientrano tra i mobili agevolabili: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, nonché i materassi come pure gli apparecchi di illuminazione che costituiscono un necessario completamento dell’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Non sono agevolabili, invece: gli acquisti di porte, di pavimentazioni di qualsiasi tipo compreso il parquet, di tende e tendaggi, nonché di altri complementi di arredo non compresi nel succitato elenco.

Si ha comunque diritto all’agevolazione addirittura per l’acquisto dei mobili all’estero, a condizione che se si seguano gli stessi adempimenti previsti per gli acquisti effettuati in Italia ossia, documentando la spesa con fattura e pagando con carta di credito o di debito.

Tra gli interventi di recupero del patrimonio edilizio che permettono di avere la detrazione per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, ovviamente, non sono compresi quelli per la realizzazione di box o posti auto pertinenziali rispetto all’abitazione principale.

 

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia comunica/Prodotti editoriali/Guide Fiscali/Agenzia informa/pdf guide agenzia informa/Guida_bonus_mobili.pdf

 

You are here:   HomeNewsDalla Agenzia delle Entrate la nuova guida Bonus Mobili

Nostri Partner

Visitatori online

Ci sono 103 Visitatori online

:

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa estesa.