Pubblicato 20 Febbraio 2014 Visite: 2151
Stampa

Il 2014 ha portato con sé una piccola grande rivoluzione per quanto riguarda la tassazione indiretta sulla compravendita immobiliare. Le novità riguardano le imposte di registro e catastali, che in generale sono ridotte rispetto al carico che gravava prima sugli acquirenti. Ma vediamo nel dettaglio tutte le modifiche.

 

Prima casa

Acquisto da privato

imposta di registro: 2%

imposta catastale fissa: 50 euro

imposta ipotecaria fissa: 50 euro

Prima casa

Acquisto da impresa costruttrice (o di ristrutturazione) quando i lavori sono stati completati da un massimo di cinque anni

iva: 4%

imposta di registro fissa: 200 euro

imposta catastale fissa: 200 euro

imposta ipotecaria fissa: 200 euro

Acquisto da impresa costruttrice quando i lavori sono stati ultimati da più di cinque anni o se si acquista da un'impresa non costruttrice che si occupa solo della compravendita

iva: esenzione

imposta di registro: 2%

imposta catastale fissa: 200 euro

imposta ipotecaria: 200 euro

 

Seconda casa

Acquisto da un privato, da un'impresa non costruttrice o da un'impresa costruttrice cinque anni dopo la fine dei lavori

imposta di registro: 9%

imposta catastale fissa: 50 euro

imposta ipotecaria fissa: 50 euro

Acquisto da un'impresa costruttrice entro 5 anni dalla fine dei lavori

iva: 10%

imposta di registro fissa: 200 euro

imposta catastale fissa: 200 euro

imposta ipotecaria fissa: 200 euro

 

www.idealista.it

You are here:   HomeNewsCompravendita casa, ecco come sono cambiate le imposte sulla prima e sulla seconda abitazione

Nostri Partner

Visitatori online

Ci sono 105 Visitatori online

:

Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più o bloccare tutti o alcuni cookie leggi l'Informativa estesa.